lunedì 31 marzo 2014

Cunnilingus



 È vero, a noi maschietti  piace molto vedere che la nostra compagna si dedica alla fellatio e ci lamentiamo che non voglia farlo più spesso ,ma noi che cosa facciamo per lei? Ci dedichiamo con la stessa passione al suo nido?
 Molte donne sono ritrose a farsi assaggiare e anche se a noi piacerebbe, non si lasciano guardare così da vicino ne tantomeno leccare. Una spiegazione io ce l’ho. Noi maschi siamo sempre a contatto con il nostro pene, ci sveglia la mattina ,ci disturba durante il giorno, è un ottimo scaccia malocchio , ce lo tocchiamo spesso, vuoi per fare pipì o per consolarci, è un nostro amuleto e ce lo portiamo sempre dietro (il mio ha più di 40 anni e li porta benissimo!). Le donne no.  Alla loro vagina non dedicano molto tempo e non la conoscono tanto , tendono a fare l’amore “d’insieme “ con tutto il corpo e se non conosci bene lo strumento non fai buona musica. Sta a noi, che ci possiamo andare molto vicino ,“ accordarla” . Se siamo pazienti e ci facciamo guidare dalle sue sensazioni possiamo scoprire molto di lei e potremmo portare la nostra compagna su vette che non conosceva!

Anche questo serve  a scacciare il grande nemico, LA NOIA!
 
Loro hanno un entità la sotto,  se la guardano pochissimo, vista la difficoltà nel farlo( ci vuole uno specchietto )e ci giocherellano ancora meno e quindi come fai a far assaggiare una cosa che non vedi molto e che tieni nascosta ?  A volta temono che sia impresentabile o che non ci sia niente  da vedere o che abbia un cattivo odore  o sapore ….  togliamole dal dubbio! 
Con un igiene accurata e regolare  non ci sono problemi   se persistono cattivi odori ci può essere  qualche problema di infezione che andrà segnalato alla proprietaria  della stessa . Ricordiamo che le regole di igiene valgono per tutti e due compresa quella del cavo orale che può essere veicolo di infezioni  , quindi lavare bene i denti  e usare il collutorio. In caso di rapporti occasionali esistono delle barriere di lattice si chiamano oral safe intuibile e facile da usare.

Ora facciamo un gioco, chiediamo alla nostra compagna se per una sera ci fa da cicerone tra le sue grandi labbra, invitandola a prendere un contatto ancora più intimo con la sua vulva perché non siamo sicuri di toccarla bene. Prepariamo un bagno caldo, immergiamo la nostra lei e dopo averla massaggiata e spugnata con la sua essenza preferita chiediamo di lavarla proprio lì , facendosi guidare la mano , impariamo a capire dove bisogna far pressione e quanta , chiedendo  sempre  se va bene , deve risultare una specie di gioco del dottore  ne’ serio ,ne’  sguaiato,  quindi stampatevi sempre un sorriso complice in faccia e cercate di capire! 
Magari voi l’avere sempre grattata come un parmigiano credendo che i mugolii fossero di piacere!

Quando sarete sul letto rigorosamente luce accesa! E fate capire a lei che non ce’ niente di imbarazzante e che è lei la maestra questa sera e voi l’ allievo . Un prodotto che vi può aiutare a farla impazzire sono i baci intimi. Questo olio caldo applicato  alle mucose facilita l’afflusso di sangue e di conseguenza sensibilizza le labbra creando una sensazione di caldo che contrasterete con soffiatine leggere  indirizzate sulla clitoride . l’effetto è dirompente e lo leggerete direttamente negli occhi di lei!

Importante , mettiti  in posizione comoda , devi  stare lì parecchio e non abbandonare il campo per torcicollo!  Consiglio sempre di avere un po’ di lubrificante all’acqua a portata di mano , può darsi che dopo il bagno non sia molto lubrificata e una goccia aiuta molto ,e poi le mani le metteremo pur da qualche parte! Occhio , sempre unghie corte e mani morbide. 

Chiedi dove gli piace di più, siate complici e ricordate che la clitoride è l’unico organo dedicato espressamente al piacere , insisti un po’ di più e chissà che stasera non vi regali un eiaculazione in diretta!

 Già …..per chi non lo sapesse anche le donne eiaculano, ma questo è un altro articolo….